martedì 24 gennaio 2012

Il Racconto del Guerriero; ovvero, l'ultimo baluardo di Sfolli egocentrismo

WARNING:
Attenzione donne in procinot di partorire per la prima volta!
Questo racconto non e' rappresentativo di come vanno i parti normalmente. IO SONO STATA PARTICOLARMENTE SFIGATA!!
Ho anche sentito altre mie compagne di corso, che hanno partorito in 4 ore senza problemi ne' necessita' di intervento medico. Una cosa liscia e indolore.
Altre donne al gruppo di allattamento dove sono andata aultimamente anche loro hanno partorito senza problemi, ed erano al primo anche loro!
I parti del secondo pupo, poi, dicono tutti che sono una passeggiata, ve lo assicuro.
Quindi vi prego, no vi lasciate traumatizzare dalla mia voglia di spandere ai quattro venti.
Partorire normalmente e senza casini si puo', e succede davvero!


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La vedete questa macchinetta qui sopra?
Questa durante il travaglio e' la vostra Bocca della Verita', il vostro centro, il vostro punto di riferimento, la vostra rassicurante copertina di Linus, la vostra guida sherpa, il vostro Oracolo.



Il numerino a sinistra indica la frequenza al minuto del battito cardiaco del pupo (e se vi va, potete anche sentirlo in audio), mentre quello a destra indica l'intensita' delle contrazioni.
Ancora piu' a destra, c'e' il foglio con il tracciato di contrazioni e battito nel tempo. In piu' avete un pratico pulsante da premere quando sentite il pupo che si muove.
Durante il travaglio, sarete costantemente attaccate a questa macchinetta.

Questa macchinetta, cosi mi dice ClaraV, non serve a niente. Almeno dal punto di vista medico.
Il pulsantino e' li solo per tentevi la mente occupata, e i parametri possono cambiare da un momento all'altro, quindi non hanno alcun valore predittivo. E in piu, pare che l'uso di questa macchinetta abbia aumentato il numero di cesarei praticati negli ospedali. Evviva.

Eppure, questa macchinetta era la mia migliore amica durante il travaglio.
Ma la macchinetta, infame e infingarda, raccontava balle, e io me le raccontavo con lei.
Perche' eravamo rimaste a quando mi si erano rotte le acque, giusto?
Ecco, da li e' partita una serie di monitoraggi, che indicavano contrazioni da leone, ma di dolore, ancora zero. E io, tutta fresca e pimpante, mi illudevo: dai dai che il collo dell'utero mi si sta appiattendo senza colpo ferire. Dai dai che entro 24 ore ho partorito...
Era la sera di domenica 8, ed io, povera illusa, facevo ancora la splendida.
24 ore dopo, ormai ricoverata senza possibilita' di appello, eravamo ancora li, io e la macchinetta, che ci guardavamo negli occhi. Ancora contrazioni da leone, ancora zero dolore.

Fuori dalla stanza del monitoraggio, un'atmosfera surreale di attesa.
Il silenzio rotto solo da un losco figuro le cui sembianze mi rimangono a tutt'oggi sconosciute, che si aggirava per i corridoi del reparto maternita' del borgo pedemontano fischiettando questo allegro motivetto:

 
E per chi non la conoscesse, ecco il sinistro retroscena


Le uniche altre anime con le quali Sfolli scambia due parole tra un monitoraggio e l'altro, a parte Dear Husband e un Gufo & Iena che ormai sono una presenza costante come due cavallette attaccate a ventosa fuori dalla finestra della mia stanza, sono tre sue ex compagne di corso preparto, che hanno appena partorito ma gia' si trascinano da lei per farle forza.
"Carine voi!" - squittisce Sfolli tutta eccitata - "com'e' andato il vostro parto? Dai dai raccontatemi..."
Loro mi guardano, sorridono e non favellano. Cambiano argomento, glissano, mi mostrano i loro pupi.
Io insisto: "Si si, bellissimi i vostri pupi, ma come e' andato il parto?!"
Loro niente. Sorridono e tergiversano. Dicono che e' tutto bellissimo, che ne vale la pena, vedrai com'e' tutto bellissimo.
Comincio a pensare che col parto ti rifilino anche una bella lobotomia, giusto per gradire.
Scopriro' poi che una ha avuto 18 ore di travaglio e due epidurali, l'altra non so piu' quante ore di travaglio culminate in un taglio cesareo, e l'altra ancora, al secondo figlio e determinatissima a fare l'epidurale, per poco non partoriva in auto (almeno lei se l'e' cavata in una manciata di minuti).
No, ma e' tutto bellissimo. Molto bellissimo.

Comunque, in questa ovattata e surreale attesa silenziosa, dopo due applicazioni di gel per indurre le contrazioni, finalmente qualcosa si muove. Alle tre di notte, eccole: selvagge e dirompenti. Ma ancora indisciplinate, brevi e irregolari.
Ma noi non ci allarmiamo, vero Sfolli? Noi abbiamo fatto il corso pre parto, e sappiamo che queste bestiacce sono solo i prodromi, per accorciare l'utero.
Quindi mi dico 'Sfolli, armati di santa pazienza e aspetta. Se fossi a casa, in teoria non ci sarebbe neanche bisogno di andare in ospedale a sto punto'.

Ecco, bene, questo sulla carta.
In pratica, due minuti dopo ero per terra a pecorina che iperventilavo e contavo i secondi sbattendo la mano contro il pavimento, tipo arbitro di un match di wrestling. Dopo circa 15/20 battute, proprio a un filo da K.O., la contrazione passava.

L'ostetrica, che chiameremo Mamy, per distinguerla dalle altre due che verranno nei turni seguenti, mi dice che sono a 1 cm.
Evvai, penso io, mi sto gia' dilatando!
Lei mi consiglia di fare una doccia calda, per regolarizzare le contrazioni. Io ubbidisco fiduciosa, mentre mi tornano alla mente racconti delle mie amiche, che mi parlavano della doccia calda come un'oasi felice in un deserto di dolore.
Oasi felice una bella cippa, appena mi metto sotto l'acqua calda mi assale la contrazione piu' intensa e ruggente che abbia avuto fino a quel momento. Esco immediatamente.
Va bene tutto, ma non mi chiamo Tafazzi, no no no.


Intanto passano le ore, e chiedo a Mamy di controllare se mi sono dilatata ulteriormente dal quel primo centimetro.
Lei con voce di miele e sguardo di cerbiatto mi dice che no, non avevo capito, il centimetro di prima era in realta' quanto mancava al collo dell'utero per appiattirsi. Ma che ora il collo e' piatto, e dobbiamo esultare.
Dire che rimango allibita e' un eufemismo. Dopo 5 ore di arbitraggio di wrestling, mi cadono proprio le palle.

Eh no, cara la mia Mamy, io voglio l'epidurale, datemi l'epidurale!!
In quel momento arriva Dear Husband, che era andato a casa a fare un riposino per la notte.
E mi trova cosi, che piagnucolo "Datemi l'epidurale, datemi l'epidurale, datemi l'epidurale....".


Ora, facciamo un passo indietro.
Nelle settimane precedenti, in una delle mie interminabili giornate di attesa mi era venuta la bella idea di buttar giu' un piccolo Programma per il Parto, ovvero un foglio che la partoriente puo' decidere di condividere con i medici e le ostetriche, in cui lascia le sue ultime volonta'.
Di solito e' una cosa che e' meglio non fare, perche' fa storcere il naso alle ostetriche, che si sentono dire cose che mettono in dubbio la loro capacita' di professioniste, del tipo 'Controllate che il pupo respiri quando nasce, non mi tagliate la sotto senno' vi denuncio, mi raccomando non scambiate i braccialettini che io lo so che lo fate, io ho visto Biutiful e CentoVetrine!'.

Ecco, io in un momento di extreme control freakness, ho ceduto e ho scritto proprio questo.
Ho scritto:
- Non diteci il sesso di Picco (okkei)
- Fatemi vedere la placenta (okkei, ho il gusto dell'horror)
- Non mi fate episiotomie o ventose a meno che Picco non sia in grave pericolo
e...
- Non mi fate l'epidurale

Ecco, io ero a zero dilatazione, e gia' imploravo l'epidurale.
Nel frattempo, arriva la nuova ostetrica, che chiameremo Muro di Gomma, vista la sua capacita' di empatia e di espressione facciale pari a zero.
Muro di Gomma si rifiuta di farmi l'epidurale, ma non perche' abbia letto il mio Programma di Parto, che per ora langue nella mia cartella clinica, ma che presto si rivelera' un'infamante arma a doppio taglio.
Dice che non me la puo' fare perche' altrimenti le contrazioni 'vere' (e perche', nelle ultime 5 ore noi qui che abbiamo fatto, abbiamo giocato a 'LucidaL'Argenteria per il 5 o'clock tea?') non arrivano piu'.

In compenso pero' mi mettono la cannula (essendo DH stato mandato fuori dalla stanza travaglio, qui Muro di Gomma commette il madornale errore di tenermi la mano, nella quale affondo prontamente le unghie nell'attesa di sentire l'inserimento della cannula, cosa che si rivelera' assolutamente non necessaria, visto che non fa male per niente!), e mi danno un qualche oppiaceo non ben specificato.

Non faccio in tempo a dire "Eppero', il dolore e' sceso del 30%", che gia' mi ritrovo, felice e spensierata, tra Heidi e le caprette che fanno ciao!
Com'e bello tornare a casa, penso sollevata, mentre mi torna alla mente l'incontro con l'anestesista, quello a cui parlare di cannule di nuova generazione faceva venire un certo guizzo folle negli occhi, quello che io nella mia beata ignoranza sfottevo, perche'
'Io no, io ho una soglia di tolleranza al dolore molto alta, io ho fatto il Pick Up delle Uova con meno anestesia del normale'.
E penso 'SempreSiaLodata LaCannuladiNuovaGenerazione, SempreSiaLodato il FolleAnestesista'.

Intanto pero', mi mettono anche una bella flebo di ossitocina. Cosi, per gradire.
Per cui, non faccio in tempo a godermi l'oppiaceo che mi partono le contrazioni 'vere', quelle da travaglio, quelle regolari, si, ma non da manuale, effiguriamoci, io che faccio una cosa da manuale, no no no.
Potevo io cominciare con un 'taster', un assaggio di contrazione, magari una ogni 3 minuti, cosi per gradire? Magari come un adagio, che lascia si presagire un crescendo, ma con moderazione.
No, io le contrazioni le voglio ogni minuto, selvagge e rock 'n' roll fin dall'inizio.

E si ricomincia con il carosello dei 20 secondi. Solo che stavolta c'e' Dear Husband che ogni tanto fa un video o due con la macchina digitale. Io sono oltre, non mi importa, a me il Grande Fratello mi fa una cippa, faccia pure quello che vuole, basta che mi lasci continuare a scarnificar stringergli la mano libera...

E insomma, scarnifica tu che scarnifico io, in un'ora mi dilato di 3 centimetri.
Grande giubilo, perche' cio' significa essermi conquistata il diritto di accesso alla magica epidurale, quella vera, quella della pace dei sensi, la robba bbona, insomma.
Solo che in quel preciso istante scoppia il putiferio in tutto l'ospedale, ci sono mille emergenze, e Muro di Gomma scuote la testa e mi comunica che devo pazientare ancora un po'.
In altre parole: Anestesista non Pervenuto.

Ma all'improvviso appare un barlume di luce. Muro di Gomma s'incrina davanti a tanto sconforto, e mi va a prendere un 'Bolo' da iniettarmi lei stessa. Tanto la cannula ce l'ho gia', okkei.
Io sto ancora riflettendo sul fatto che dalle mie parti, il 'Bolo' era quella cosa che i miei rozzi compagni delle medie intessevano masticando innumerevoli Kinder Fetta al Latte in una volta sola, per poi estrarli dalle loro fauci immonde e confrontarne l'entita', in una sorta di primitiva gara a chi ce l'ha piu' grosso.

Ecco, sto ancora riflettendo su questa cosa, quando mi accorgo che e' passata piu' di mezzora, il 'Bolo' non ha avuto alcun effetto, e io sto ancora qui a scarnificare DH.
Risuono il campanello, e dico che il Bolo non ha funzionato.
Cinque minuti dopo, si sentono grandi fanfare giu' per il corridoio, e Muro di Gomma entra tutta affannata. Il suo volto e' trasfigurato in quello di un'adolescente in preda ad un raptus d'amore, e mentre stende risme di tappeto rosso tutta ridacchiante e ossequiante, entra Il Primario.
Eh si, Muro di Gomma mi e' andata a pescare il primario di NonSoPiuCheReparto, CheIddioLaBenedica.
Il Primario mi ispeziona la cannula, e comincia a smadonnare: Ma questa cannula e' fuori posto!
Poi si ricompone, assume un'aria di magnanima santitudine, e mi elargisce l'agognata epidurale.

Che io mi riesco a godere solo per un'ora, perche' quando me la fanno, sono gia' dilatata di 6 cm, e nell'ora successiva arrivo gia' a 10 cm.
Praticamente una beffa.
Ma non oso protestare.

E' ora di spingere, e io sono ancora in lalaland. Proprio non mi viene da spingere.
Io mi impegno anche: guardo la macchinetta, l'Oracolo Divino, che mi dice quando sta arrivando una contrazione, e cerco di cavalcarla come meglio posso.
Ma mi manca la convinzione, mi manca il mordente, mi manca la grinta.
In altre parole, mi manca la disperazione.

Nel frattempo Muro di Gomma passa il testimone alla Signorina Rottermaier
la quale prende in mano la situazione e mi stacca l'epidurale.
"Tu ora basta cazzeggiare, tu ora spingere sul serio, JAH!"
E infatti, cosi faccio, per circa 2 ore e mezzo di cui non vi sto a dire.

Dico solo che io che andavo spergiurando che avrei partorito accovacciata, perche'
"Se le donne africane partoriscono cosi, accovacciate all'ombra di un cammello, un motivo ci sara', e questo motivo si chiama Forza della Gravita'".
Ecco, alla fine ho partorito sdraiata, aggrappandomi alle maniglie del lettino, come in un banalissimo film americano.

Dico solo che a un certo punto ho implorato che me lo tirassero fuori, che mi facessero l'episiotomia, che mi facessero pure la ventosa, basta che me lo tirassero fuori.
Al che la Signorina Rottermaier, che per tutto il tempo non aveva smesso di darmi ordini senza mollare la presa, mi guarda allibita e mi dice
"Ma tuo Programma di Parto dire che tu no volere..."
Signorina Rottermaier, questa non me la dovevo fare, questo e' un gran brutto colpo basso.
Devo dire che da li la mia rabbia si e' scatenata, e ho urlato che io
Non-lo-sapevo-cazzo-che-ci-voleva-cosi-tanto-e-cazzo-tiratemelo-fuori-porcavacca!!!

Poi niente, mi calmo e buona buona ricomincio a seguire gli ordini della Rottermaier.
Mentre lei chiama la gine e un manipolo di altre ostetriche, che mi si parano davanti e formano un nuovo siparietto con una serie di gesti ben consolidati.
Mettiti il camice verde tu che me lo metto anch'io, e passiamoci questi begli oggetti vari non meglio identificati, finalmente capisco che sta arrivando il momento.
Mi torna alla mente la prima ecografia, quando ci dissero che Picco aveva un cuore, e che batteva bello forte.
E come allora, mi scappa un bel Fucking Hell.

E da li a apochi minuti, Picca e' nata.
Era talmente imbarazzata e perplessa per la scurrilita' di sua madre, che non ha neanche pianto.

E neanch'io, in realta', ho pianto, si qualche singhiozzo di sollievo si, ma niente pianto.
Almeno non ho pianto fino ad un'indefinibile quantita' di minuti piu' tardi, dopo che mi avevano fatto vedere la placenta, come da Programma di Parto, e io tutta estasiata avevo esclamato
"Oooh che bella!",
suscitando perplessita' generale, visto che quando mi avevano messo Picca sulla pancia, piu' che uno sbiascicato "Respira?!" non avevo detto. E ora, ecco che mi prodigavo in elogi della...placenta O_o

Ecco, un'indefinibile quantita' di minuti piu' tardi, quando aspettavo che me la riportassero bella pulita, disostruita e pronta per ciucciare, ero li sdraiata, che mi ripigliavo e contavo le mattonelle del soffitto. Li si, finalmente mi sono cominciate a scendere le lacrime.
Li mi e' tornato in mente di tutte quelle altre volte che ero stata sdraiata a contare le mattonelle del soffitto del bunker del Quartiere Generale nella Landa di Robin Hood, per distrarmi mentre mi facevano le ecografie per contare i follicoli.
A quanto speravo che contenessero un ovetto, uno solo, che mi rendesse mamma. E mattonella dopo mattonella, ci ero arrivata, e Gaia era li, come lo era sempre stata, forte e sana, a rendermi, finalmente, mamma.


P.S. Ecco, ora la Sfolli egocentrica si eclissa un attimo per dirvi che non mi sono dimenticata del TotoParto GiveAway!! Mi pare di aver contato che ci avevano azzeccato in 7 persone:
Pasita
Suster
Alessia
Owl
Mariantonietta
Mammapappa
DeaKali

Giusto? Vi torna? ho dimenticato qualcuno?!
A presto l'estrazione, promesso promesso promessooooooo

49 commenti:

Brioscina ha detto...

Ecco forse era meglio se questo post lo leggevo dopo aver partorito... Pero' che bello quando alla fine l'hai "sfornata". Ma sai che io ero sicura che fosse maschio...me lo sentivo...e invece e' una bella picconatrice!
Tanti auguri Sfolli, a tutti e 3!

Susibita ha detto...

Bella Sfolli, il fucking hell ci stava tutto.
Io infatti prima non potevo dirtelo ma ho chiesto tutto, veramente TUTTO, tranne l'eutanasia.
Ma solo perchè a un certo punto ho detto "Io muoio. Che morte idiota.".
E invece non sono manco riuscita a svenire.
Bhè, come si suol dire in questi casi: "è passata, mò non pensarci".

Sei sta bravissima, ne sono certa =).
Un buffetto alla piccoletta =)

Susibita

mafalda ha detto...

Bravissima.
Sul serio, io non so mica come avrei fatto ad affrontare un travaglio del genere.
Ok, il dopo nel mio caso è stato traumatizzante, ma il parto in meno di tre ore lo augurerei a chiunque!

Lucy Van Pelt ha detto...

che bel post sfolli! Oddio, i racconti del parto non sono la mia lettura preferita, ma questo lo aspettavo proprio! E il finale è splendido... =)
Un bacione a tutte e due!!!

antonella ha detto...

beh... speriamo che questo post non lo legga qualche donna agli sgoccioli pronta per partorire!!!

Clara V ha detto...

Ecco, insieme a Brioscina direi che forse siamo le meno indicate a leggere questo post, essendo che il termine è fra 20 giorni (ma io sono convinta che sì e no ne reggo 10). Nei momenti più truculenti ammetto che anche la pancia se ne è risentita, e ha dato qualche stricchetto come a dire "eh, che ci divertiamo fra un po'?"
Il tuo racconto mi ha fatto sbudellate dalle risate (e il 79 sul tocogrfo mi ha impressionato)!
Sei fantastica Sfolli! Ma perchè questo amore per la placenta?
E cmq la storia dell'inutilità del monitoraggio è legata soprattutto ai monitoraggi che si fanno in attesa dell'evento. Però è anche vero che non è niente male essere attaccate a quella macchinetta.

Ma lo sai che con tutte le vostre storie sull'epidurale mi avete quasi convinto?

sfollicolatamente ha detto...

oddio mi fate venire le paranoie...e' che io non intendevo dire che questa e' un'esperienza rappresentativa di un parto normale...io sono stata particolarmente sfigata, attenzioneeeee

mariantonietta ha detto...

Ho riso come una matta, tanto che il Capitano è venuto dall'altra stanza a leggere il post, e poi, alla fine, mi sono commossa.
Grande Sfolli, combattente fino all'ultimo!

Ilaria Pedra ha detto...

sfolliiiiiiiiiiii Dio solo sa quanto aspettavo questo post!!
Ti ho immaginata minuto per minuto soprattutto quando sbatti le mani sul pavimento!!
Grande racconto, grandissimi voi! Non riesco a dire altro.

destinazioneestero ha detto...

Anch'io ho un ricordo poco esaltante dell'ossitocina! Non aggiungo altro.
Complimenti per come hai affrontato il dolore e il parto.

Laura ha detto...

è stato fantastico leggere il post, un po' meno partorire immagino ;)
ma per fortuna ora è tutto passato e hai Gaia!!!!!

Chiara ha detto...

Brava Sfolli, ne sei uscita vincitrice! Io solidarizzo anche con le tue compagne di corso che non ti hanno rivelato i particolari del loro parto: io sono per l'omertà 1. perché a te può andare molto meglio e mi dai della terrorista 2. perchè magari ti va anche peggio e mi dai della portasfiga.
Baci a Gaia e botte sul coppino a DH che faceva video mentre tu travagliavi (brutto, non si fa!)

alessia ha detto...

Questo post avresti potuto intitolarlo"Tutto quello che avreste voluto sapere sul parto ma non avete mai osato chiedere"
Il tuo racconto mi ha in ordine terrorizzato, fatto ridere, piangere, poi ancora terrorizzato, poi ridere, piangere... Continuo??
Grazie anche perché sveli che quello su cui contavo (il potere della forza di gravità!) non serve a una cippa, non ti grazia..
Ora ho capito xké eri finita sul pavimento a sbattere le mani. E io che pensavo di adottare un comportamento british...
Dici di no eh? Meglio entrare in sala travaglio già predisposti ad uno spirito più greve..
Ohiohi mi devo riprendere... E io che mi credevo ti scivolasse via con tutto lo yoga che hai fatto!

WonderP ha detto...

bwuauawua! tu novella Gene Wilder che neghi l'epidurale e poi... guardati il link
bwuaa wuwwaaauaauauaa

http://www.youtube.com/watch?v=xwc_oJmzQFw

Sunshine ha detto...

Poi torno a leggerti con calma... da me c'è un premio for you :D

ElizabethB ha detto...

Sfolli mi sento un po' più normale dopo il tuo racconto, perchè quando racconto il mio parto immagino che gli interlocutori pensino che io sia una pazza che esagera, ma non è così e tu lo sai!!! Io ero praticamente posseduta dal demonio e ho slogato una mano a Darcy per quanto gliel'ho stretta...
Ti mando un bacione

Owl ha detto...

Maledetta macchinetta malefica. E ho detto tutto!!!
Anch'io come te a fare la figa, uhhh ma guarda che numeri e soppa come reggo il dolore...poi scopro che quandoa rrivano quelle vere non servono a una cippa e la machinetta che prima diceva che erano belle potenti dopo dice che sono basse. E poi cesareo. Solo per dirti che fatico ad ascoltare drum 'n bass ancora adesso senza pensare al monitoraggio!!

Però è il primo racconto di parto che mi fa anche morire dal ridere :-DDD

tri mamma ha detto...

Bellissimo, tutto bellissimo!!!

(soprattutto l'ossitocina!!! O.o)

Anita ha detto...

Sfolli anche io all'inizio aveveo contrazioni forti indolori e poi travaglio allucinante da morire di doloreeeeeeee mammamia leggendo il tuo racconto mi sono ricordata il forte dolore ma sai che io lo rifarei anche domani??? l'istinto materno passa oltre... e poi per una cosa così meravigliosa come un figlio o figlia si fà questo e altro ;)

Grazie di aver condiviso la tua esperienza :))

Marica ha detto...

mammamia!!!!
che dolore!! ;-)

the pellons' ha detto...

Non so perchè ma credo che il tuo sia stato un parto "normale", mediamente. Che quelle che partoriscono in un'ora o due esistono solo nei corsi pre-parto per farti brillare l'ideina che la prossima potresti essere tu... e non sei mai tu.
Io di fatto ho fatto quasi uguale, con la variante del cesareo a dilatazione completa per mancato impegno.
:-)

la luna di stefylù ha detto...

Ciao Sfolli, appena visto di che trattava il post volevo tornare indietro ... a ricordarmi il mio parto e dopoparto... ti dico solo:12ore di travaglio doloroso per le ultime 4, macchinetta maledetta che con me invece ha funzionato(mio marito si divertiva a presagirmele),mi hanno fatta partorire senza la massima dilatazione(conseguenze dell'episiotomia per un anno e mezzo) emorragia quando dopo un'ora e mezza di spinte(con uno stronzo che mi massacrava sulla pancia come fossi un porcello da squartare)spiripinzola è venuta fuori... senza piangere(mi si è fermato il cuore pensando fosse morta perchè era pure mooooolto cianotica),infine ematoma lì. proprio lì dopo 8ore dal parto e non ti dico cosa mi hanno fatto... e per finire è subentrata grave anemia per cui mi hanno tenuta 6giorni in ospedale. Un ospedale da denunciare!Ma non ne avevo le forze.
Ora spero di averti consolata... No, non ti è andata peggio...
Però quanto mi hai fatto ridere... sei una forza... No sei una Potenza!

Gnappetta ha detto...

Sfolli sei mitica! Mi hai fatto morire dalle risate (immagino tu molto meno :P). Senti ma DH ci ha fatto anche un bel video/foto della placenta...dai dopo averci fatto dire quanto è bella Gaia, facci dire anche quanto è bella 'sta placenta! ^_^ Un bacione

Pentapata ha detto...

sono arrivata a metà,oltre non riesco. Il giorno che mai dovessi scoprire di essere incinta sarà lo stesso giorno che fisserò il cesareo in clinica. per me urlare di dolore è resta ora e per sempre lesivo della dignità personale.

Merendina76 ha detto...

Un parto rocambolesco, alla Sfolli insomma!!!! Ma scusa eh Sfolli, ma se avessi sfornato Gaia quasi in macchina.....ma come avresti fatto a farci divertire così col tuo racconto??? E a farci emozionare anche....soprattutto nel conteggio mattonelle!!!! Eh brava lei!!!

mammapappa ha detto...

mi hai fatto mori! e anche commuovere alla fine! fantastica muro di gomma! insomma... so' bei ricordi! mi hai ricordato che al primo parto mio marito mi avvisava quando arrivavano le contrazioni sul macchinario... dicendomi pure... tranquilla questa è leggera! e io... "ma ta gazzu leggera!" (son barese ma ho imparato ciò che conta del sardo).
per quanto riguarda il giveaway, tagliami pure fuori che io avevo prima detto che nasceva il 6 quindi non posso partecipare.. era solo per indovinare! bacioni

allafinearrivamamma ha detto...

Sfolli, ecco io non riesco a smettere di piangere ora. come una cretina, mi sono così immedesimata che mi fa male la pancia. Che quando è uscita picca, ecco, mi è sembrato di sentire tutto.
ecco, scusa, io non riesco a scrivere una cosa sensata e bella per voi due perchè non ci vedo più dalle lacrime..bella che sei..

Robin ha detto...

SFOLLI!!! Ahahaha... ehm, scusa se rido del tuo travaglio ma è veramente fortissimo questo post!
Veramente non so da che daimon tu sia stata posseduta mentre chiedevi espressamente di non volere l'epidurale O.O
Io mi metterei in lista subito dopo il test di gravidanza!! (Se solo ci fosse nell'amena cittadina dove vivo. Purtroppo da noi non si può avere, tiè)
Comunque, non so per quale sadico motivo, a me piace molto sentire i racconti dei parti, anche di quelli un po' "sfigati" come il tuo: mi fa sentire parte di una congrega femminile a cui non credo avrò mai il coraggio di prender parte ^^'
P.S. Ma scusa, neanche un sussulto, un sorriso da ebete quando hai finalmente saputo che Picco era meravigliosamente femmina?

barbabella ha detto...

secondo te .. perché io volevo il cesareo??? (poi purtroppo l'ho avuta vinta :()

però .. non puoi dire che non sia tutto bellissimo :) :)

Anita ha detto...

passa da me c'è un premio per te ^_^

Jenisha Volare Liberi ha detto...

Incomincio a leggere è gia rido " alla macchina della verita" ahhaha continuo ahahha
Giorno bellissime:-))Sfolli, paccioccona GAIA ( bacione sulle guancie) ed Dear Husband:_) continuo al eggerti...

Jenisha Volare Liberi ha detto...

Alla fine il tuo post dopo tanta ilarita' mi ha toccato il cuore..Io non ho pianto, ho chiesto se respirava come te..e poi dopo tre giorni ho pianto tutto il giorno che C'é stato un convegno nazionale se darmi un calmante o no:-)..un pianto direi liberatorio.SEI STATA CORAGGIOSA...Gaia è un bel peso e posso immaginare le spinte ed il dolore.Grandiosa Sfolli ci mancheranno le mattonelle da non contar piu' e guardare il cielo..e tra sei mesi voglio vedere tra le nsotre due piccoline che crescono e saremo alla prima pappata e lo sputo di pastina:-)qUELLA GIORNATA 8 Gennaio dopo che partorito io non so quante donne hanno partorito, a volte ne hanno fatto partorire due nella stessa sala parto..un bomm di nascite quel giorno incredibile, molti maschietti:-) Tutti che correvano. E# UN ESPERIENZA INDIMENTICABILE CHE NON DIMENTICHEREMO MAI..uguali i tempi lunghi e corti...è un emozione indescrivibile..Bravissima!

mamma mia ha detto...

SEI STATA BRAVA! che bello rileggerti e ridere di gusto! un avventura finisce e una nuova comincia!tanti auguri

E va bene così... ha detto...

Mi sono commossa...
Ho un'amica che deve partorire a giorni... che dici, meglio non farglielo leggere eh???
:) giuppy

Nora ha detto...

Tranquilla Sfolli, io ormai ne ho sentite di tutti i colori, non m'impressiono più (!!!).
La descrizione delle tre ostetriche mi ha fatto morire dal ridere, ovviamente la terza è la migliore!!!

Però tu mi fai anche commuovere e intenerire... e vi abbraccio forte forte!

Fra ha detto...

Meno male che non devo partorire!! Il tuo racconto è stato molto bello da leggere... tanti auguri a voi e Picca :)

Anonimo ha detto...

Nella tua descrizione mancava Clara Calamai nella scena finale di Profondo Rosso! Non so se c'arriverò mai al parto, però se dovesse accadere questo miracolo, sottoscriverò con firme e controfirme che VOGLIOESIGOPRETENDO L'epidurale
Dà un bacione sulle guanciotte di Picca-Gaia per me
:*** EMME

sfollicolatamente ha detto...

mamma mia ragazze, altro che parto, sono due notti che non si chiude occhio O_o
Ma vi leggo neee, leggo tutti i vostri commenti!!

WonderP ahahahha che ridere no me la ricordavo, hahahha azzeccatissima!!!!

Stefylu, ooh my god, ok, vinci tu ;-))

Liz, Owl, sisters!!

Alessia, ma quale yoga, mannaggiaaa...a meno che, non sia perche' sono 'troppo tonica', come diceva quella befana pseudo hippie del cerchio della condivisione (ma non penso proprio...)

Ilaria <3 <3

MP sssshooosssh ;-)) nooooo, maddai che e' tutto bellissimooooo


Gnappi, quando e' uscita la placenta, DH era gia' in stato di svenimento (mi ha vista mentre mi ricucivano, e non ce l'ha fatta a tagaliare il cordone hihi) quindi le foto non sono pervenute ;-)

Robin, ma sai che sta cosa del sesso alla fine ce l'hanno rovinata?! LA Signorina Rottermaier nel trambusto degli ultimi 5 minuti si e' messa a riferirsi al 'feto' come a Lei!!!
Eccheccazzo.
Pero' ti diro' che non mi e' dispiaciuto - forse addirittura mi ha dato energia per le ultime spinte..anche se no ero sicura di aver capito quello che sentivo, e nemmeno come facesse lei a saperlo (forse dalla morfologica nella cartella clinica, io di sicuro non ci avevo visto niente).
DH invece era gia' in modalita' svenimento e non ha sentito nulla :-)

Robin :D ha detto...

Per fortuna che è passato nè ;)
Certo che faticata!
Ciao belle!

Sunshine ha detto...

Oddio Sfolli, che ridere, come le racconti tu le cose non le racconta nessuno :D Tutto è bene ciò che finisce bene! Baci a Gaia

Eu ha detto...

Dicono che i dolori del parto si dimentichino.... Tu me li hai ricordati! :-)

Wanesia ha detto...

ossignur :*

Mafalda funambola ha detto...

Carissima, passa da me che c'è qualcosina che ti farà tanto "piacere"....
Lo so, lo so... sono troooooooppoooo buona!!!! ahahahahah :D
chissà se quando avrai letto sarai contenta?!

Baciiii

Merendina76 ha detto...

Tesoro passa da me che c'è un premio per te!!!

ILA ha detto...

Ti regalo tutta la mia commozione.
sei stata fantastica, cara!
L'immagine di te che guardi le mattonelle...beh, mi ha trafitto il cuore.
Spero di arrivarci anch'io, un giorno.
Brava, Mamma Sfolli! :)
Bravissima!

Jenisha Volare Liberi ha detto...

Bacione Sfolli Giada e marito:-))

Godmommy ha detto...

PIANTALA DI FARMI PIANGERE!!!!!!!!!!!!

Velma ha detto...

Ciao! Ti ho scoperta solo ora! Mi hai fatto morire dal ridere e poi dal piangere! In ogni caso: congratulazioni!

Lisa ha detto...

Che bel racconto...direi che è più bello anche per te, visto che è già passato? il ricordo affievolisce il dolore??
Pensa che a me con l'induzione arrivavano contrazioni abbastanza frequenti e dolorose (anch'io credevo di essere sul genere "sopporto bene il dolore") e la macchinetta schifosa quasi non me le segnava, e l'ostetrica mi diceva che non erano nemmeno quelle da travaglio...azz!! poi s'è dovuto fare il cesareo, per cui mi rimane SOLO il ricordo di quelle "mini" contrazioni...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...